Salute e alimentazione: l’integrazione a supporto della buona nutrizione

Uno stile di vita sano è il segreto per una vita lunga e felice.Tanti problemi di salute infatti sono strettamente correlati alla scarsa attività fisica e a ciò che mangiamo di scorretto abitualmente. Già nelle scritture del passato alcuni grandi filosofi e molti scrittori erano accaniti sostenitori del legame inscindibile tra cibo e salute

Ippocrate, considerato il padre della medicina scientifica, già nel 400 a.C. sosteneva questa teoria. Nota è la sua citazione “Fa’ che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo” in cui si denota chiaramente l’importante correlazione tra il corpo e la sua nutrizione.

L’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità – ha dichiarato che una parte delle malattie cardiovascolari e tumorali che affliggono il mondo sono dovute alla cattiva alimentazione. Seguendo un regime alimentare sano ed equilibrato si può proteggere la propria salute e prevenire queste insidiose patologie. L’Introduzione delle linee guida per una sana alimentazione del Ministero della Salute si apre proprio con questo chiarimento.

La natura ci offre gran parte degli elementi in grado di soddisfare il nostro fabbisogno nutrizionale giornaliero, ma alcuni di questi elementi non sono sempre, per quantità, sufficienti. I grandi passi avanti mossi dalla scienza della nutrizione, però, hanno permesso la creazione di integratori alimentari, o nutraceutici, capaci di sopperire a queste mancanze.

Qui maggiori informazioni sull’importanza dell’integrazione alimentare.

Nutrizione corretta e bilanciata, sfruttare al meglio le risorse naturali

Per dieta salutare e bilanciata s’intende un programma alimentare strutturato in base alle necessità individuali del nostro organismo. Non sono le diete drastiche che promettono risultati in tempi rapidi, ma un vero e proprio stile di vita da adottare e mantenere nel tempo.

È importante imparare a scegliere i giusti alimenti al supermercato, consumare a ogni pasto un’adeguata porzione di frutta e verdura e alternare i vari tipi di proteine che abbiamo a disposizione.

Questa nuova prospettiva di nutrizione può diventare parte integrante della vita di tutti i giorni e proteggere la salute individuale e quella delle nostre famiglie. Essere costretti a preparare pasti differenti è uno dei motivi che più scoraggiano gli intenzionati a intraprendere un nuovo regime alimentare controllato, quando la necessità di farlo non è più ignorabile. Perchè il nostro corpo ce lo fa sempre capire quando stiamo sbagliando qualcosa.

Ci basterebbe porre attenzione alle risposte del nostro fisico dopo le grandi e sregolate abbuffate delle festività, per esempio. Il malessere diffuso, il senso di pesantezza e spossatezza, la carenza di energie sono sicuramente sensazioni che ognuno di noi ha riscontrato almeno una volta dopo i ghiotti pasti natalizi tradizionali.

Dovremmo imparare ad ascoltare di più il nostro corpo a tavola e i segnali che ci manda, e scoprire come sfruttare il legame tra alimentazione e salute a nostro vantaggio. Servono solo pochi cambiamenti alla base del nostro concetto di nutrizione per imboccare la via giusta. 

Quali alimenti prediligere per il benessere psico-fisico

Scegliere con cognizione cosa mangiare per essere in salute è il primo passo verso uno stile di vita consapevole che ci porterà a stare bene con il corpo ma anche con la mente. Molti alimenti, infatti, hanno un effetto benefico anche sull’umore e possono migliorare notevolmente la qualità anche della nostra vita sociale. Di conseguenza, scelte nutrizionali sbagliate che conducono a carenze alimentari possono influire negativamente sul benessere psicofisico.

Ansia e stress sono i nuovi mali del secolo, su cui bisogna intervenire tempestivamente per evitare di peggiorare la situazione.

Ma davvero si possono curare questi stati d’animo con l’alimentazione? Vedremo insieme qualcuno tra i più conosciuti elementi che compongono i nostri cibi e che sono in grado di influenzare realmente il nostro umore, in positivo e in negativo.

Alcuni alimenti, come il pesce azzurro, sono ricchi di omega 3, acidi grassi che svolgono una forte azione antiossidante e antinfiammatoria. Questi acidi sono in grado di abbassare i livelli di cortisolo, cioè quello che viene comunemente annoverato come ‘ormone dello stress’, e quindi influiscono positivamente sull’umore.

La carenza di zinco è un altro fattore correlato allo stato di ansia, in quanto questo è un regolatore di neurotrasmettitori e, inoltre, favorisce difese immunitarie e metabolismo. Il magnesio, alimento fondamentale per il nostro sistema nervoso, è uno di quegli elementi la cui scarsità può provocare stati di ansia.

Anche le vitamine sono essenziali per la nostra salute psico-fisica. Tra i vari gruppi, in particolare le vitamine C ed E sono indispensabili per la prevenzione delle malattie neurodegenerative, e insieme alla B6 e alla D contribuiscono a mantenere una buona salute sotto tutti gli aspetti.

Possiamo vedere quindi come alimentazione corretta e salute siano strettamente collegati, pertanto compiere delle scelte sane a tavola è il primo passo per vivere meglio e più a lungo. Quando però questo non basta, interviene la nutraceutica. Il consumo di integratori alimentari contenenti importanti principi attivi può infatti talvolta rivelarsi indispensabile per garantire il benessere.